HomeProgettoPromotoreSostenitori Consegne ufficialiPer contribuireContatti
La Principessa del Cioccolato
…arriva il cioccolato in ospedali, carceri e nelle zone terremotate dell'Abruzzo

15 aprile 2009
Un bellissimo abito avorio ricoperto da 500 cioccolatini, tavolette e praline.
E' la principessa del cioccolato che, accompagnata dalla sua Chocofolletta, fa capolino in una camera dell'ospedale pediatrico Gaslini di Genova: è venuta per consegnare un mare di cioccolato e portare un po' di serenità ai bimbi ospedalizzati.
600 uova di Pasqua
1.000 tavolette fondenti e latte
2.000 lecca lecca di zucchero
4.000 cioccolatini

Questo l'enorme quantitativo di cioccolato trasformato poi in sorrisi dei bimbi del Gaslini. Alcuni piccoli ospiti non potevano mangiare il cioccolato ma… la Principessa ha pensato anche a loro: ed ecco spuntare il Chocobraccialetto dei desideri. Per tutta la giornata le corsie dell'ospedale genovese sono state invase dai volontari della Gaslini Band Band e di Chococlub che hanno riempito l'atmosfera con i profumi ed il calore del cibo degli Dei rallegrando i cuori di piccoli e grandi: una giornata davvero insolita e particolare.
Al pomeriggio la Principessa si è spostata all'AC Hotel di Genova per l'estrazione dei biglietti del Chococoncorso: 3 mega uova pasquali donate da altrettante pasticcerie genovesi (Poldo, Robbiano e Rota) e centinaia di altri premi in cioccolato per gli oltre 11.000 biglietti consegnati. Anche qui gli oltre 200 bimbi (tra cui molti ex ospedalizzati) intervenuti hanno potuto assaporare cioccolatini e tavolette in un clima festoso ed allegro raccontando i propri desideri alla Principessa che ne ha preso nota nel suo chocodiario.

Il giorno dopo la principessa si è spostata in un istituto di custodia di Milano dove ha incontrato le mamme detenute ed i loro piccoli fino a tre anni che vivono con loro. Anche qui il cioccolato ha scaldato gli animi e permesso di trascorrere un piacevole momento in spensieratezza.

Ma… chi è la Principessa? Si chiama Daniela Braga di Vigevano (PV) e lo è davvero perché praticamente "vive di cioccolato" dalla nascita consumandone almeno 200 g al giorno ossia oltre 70 kg all'anno e considerando che la media pro capite si aggira sui 4 kg… tutto detto, no?

La prossima tappa sarà venerdì prossimo 17 aprile dove un altro dolce carico arriverà nelle zone terremotate grazie ai camper dell'Hymer Club Italia che stanno scaldando i motori per la partenza.

"Tutto questo è grazie alla sensibilità di tanti che hanno risposto al progetto denominato "Banca del Cioccolato" promosso da Chococlub (Associazione Italiana Amatori Cioccolato - www.chococlub.com). Senza il sostegno degli artigiani del cioccolato (Cioccolato Puro - TO, Monteccone cioccolato - TO, Pasticceria del Capitano Rosso -TO, Pasticceria Marangotto - VA), ditte industriali (Dolfin, Icam, modecor e Venchi) e la Demas abiti da sposa di Milano che ha donato l'abito della Principessa tutto ciò non sarebbe stato possibile" dice Davide Ferrero, presidente di Chococlub e promotore dell'iniziativa insieme al prof Bruschettini dell'ospedale Gaslini di Genova.

"Auspichiamo la continuità di atti generosi da parte di tutti verso l'Abruzzo. Stiamo organizzando una prossima grande donazione di cioccolato quando i riflettori inizieranno a spegnersi sul tragico evento. Per questo ci auguriamo che altre ditte artigianali ed industriali seguano l'esempio di queste che ci sostengono da tempo e che mettano a disposizione il loro prodotto per le prossime consegne della Banca del Cioccolato" dice Ezio Ercole, vicepresidente dell'Ordine dei Giornalisti del Piemonte e direttore del progetto Banca del Cioccolato.

Per ulteriori info: www.chococlub.com
Per immagini: http://fotoalbum.chococlub.com/ (ciccare su anno 2009 e sulla voce interessata)
Per immagini in alta risoluzione: richiedere via mail a d.ferrero @ chococlub.com